Pallavolo Serie A: Videx Grottazzolina – Roma Volley Club 3-1

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La condotta di gara è molto simile a quella della gara di Coppa di mercoledì scorso: un’ottima Roma porta a casa il parziale di avvio, da lì in poi Vecchi e compagni alzano il ritmo e raccolgono l’ennesimo bottino pieno.

Grottazzolina – Dopo svariate settimane lontani da Grottazzolina, i “ragazzi che (mercoledì) fecero l’impresa” tornano finalmente di fronte al proprio pubblico per il big match di giornata del girone blu; al palas di Via Fonte San Pietro arriva Roma Volley Club, compagine affidata a coach Budani che in netta continuità rispetto alla passata stagione schiera giocatori di sicuro affidamento per la categoria, tra cui spicca l’apprezzatissimo ex di turno Simone Calarco. Primo appuntamento interno del 2020 per Vecchi e compagni, protagonisti sinora di una prima parte di stagione perfetta, fatta di sole vittorie.

In campo – Coach Budani, che deve rinunciare a Mandolini per infortunio, si affida alla diagonale palleggiatore-opposto costituita da Sperotto e dall’ex di turno Simone Calarco, Rossi e Zappoli Guarienti la coppia degli schiacciatori, Borraccino e Antonucci centrali con Rizzi libero; Grottazzolina risponde con il consueto eptetto protagonista assoluto di questo avvio di stagione, ovvero Marchiani in cabina di regia in diagonale con Giannotti, Snippe e Vecchi di banda, Romagnoli e Arienti al centro con Romiti a dirigere le operazioni di seconda linea.

La gara – La partenza del match è di marca ospite, con i ragazzi di Budani molto attenti ed accorti nel reggere l’urto dei padroni di casa, fino a portarsi sul 6-8 in proprio favore. La Videx non gioca male, ma vede in Sperotto e compagni un osso duro che riesce a trovare sempre soluzioni, anche con la pazienza di aspettare la seconda palla rigiocabile o un contrattacco in più. Il 10-12 certifica l’ottimo avvio ospite, Giannotti accorcia mettendo palla a terra con buona continuità ma Roma non molla, nemmeno quando Arienti mura Rossi; è però sempre un muro su Rossi a riportare la gara in parità a quota 15, stavolta è Giannotti a bloccare l’attacco capitolino. Roma si vendica però subito riportandosi sopra di tre lunghezze tanto da costringere coach Ortenzi al time out; Snippe prova ad accorciare, Calarco però lo mura ad uno portando i giallorossi addirittura sul 22-18. Giannotti sbaglia il servizio, poi si fa murare da Rossi ed è set point Roma; al secondo tentativo è Calarco a punire i suoi ex compagni chiudendo sul 21-25 un primo parziale assolutamente impeccabile per i suoi.

Il secondo parziale si apre in equilibrio, con le squadre a stretto contatto in un susseguirsi di botta e risposta; magia di Marchiani per il 8-7, con il palleggiatore loretano che di fatto resuscita una palla destinata all’altro campo lasciando Vecchi con il solo obbligo morale di spappolarla a terra. Calarco picchia come un ossesso, Giannotti risponde per il 11-9; Arienti al servizio “stressa” Rossi che dopo aver ricevuto attacca out per il 15-11. Spettacolare l’azione del 15-13, con i ragazzi ospiti che difendono di tutto prima di cogliere il contrattacco vincente in diagonale proprio con Rossi; Vecchi in mani out per il 18-14, che diventa 19 quando Giannotti buca il muro a tre di Roma costringendo Budani al tempo tecnico. Snippe dipana una matassa complicata sul 21-15, Sperotto spara forte al servizio ma Giannotti inchioda a terra il 22, prima che Arienti sigli il 23-17 in veloce. La chiude Vecchi, prima giocando col muro per il set point, poi chiudendo a terra un ottimo assist di Marchiani.

Il terzo set si apre come si era chiuso il precedente, ovvero con Riccardo Vecchi sugli scudi, subito con un ace; ancora magia di Marchiani per Romagnoli per il 3-1, strepitoso il diagonale strettissimo di Snippe con muro a tre per il punto numero quattro. Roma pesca bene dal centro quando la ricezione assiste Sperotto, l’attacco out di Calarco sigla però il 8-5 Videx; accorcia Roma sul 11-9 per effetto di un’invasione di Snippe, un muro di Arienti porta la contesa sul 14-10 con Budani costretto al time out. Antonucci mura Vecchi, mentre il punto del 16-13 va ascritto di diritto a Roberto Romiti che con un salvataggio indescrivibile propizia un contrattacco davvero insperato. La Videx fatica ad allungare sia per la tenacia costante di Roma, sia per un insolito eccesso di errori al servizio; Giannotti la mette a terra con buona continuità imitato da Snippe, il pallonetto velenoso di Vecchi fa 21-17 per la squadra di casa. Giallorossi richiamati in area tecnica dal proprio coach nel tentativo di riaprire il parziale, ma al rientro la premiata ditta Romiti-Vecchi confeziona un “difesa+contrattacco” che esalta il pubblico di casa; esaltazione che non si arresta, perché il 24-17 Videx fa scattare addirittura la standing ovation, sempre con Romiti a tirare su in difesa cose mai viste; chiude ogni discorso sempre Riccardo Vecchi, di fatto vero mattatore del finale di set.

Calarco inaugura il quarto parziale in mani out, suo anche il diagonale del 1-3; ribaltone immediato per la Videx, con un ace lungolinea di Giannotti ed un monster block di Marchiani per il 4-3. Antonucci e Borraccino tengono a galla Roma dal centro, ma Grottazzolina difende bene e con Giannotti si porta sul 11-8; Rossi in diagonale è implacabile ma è sempre l’opposto padovano in maglia Videx a siglare il 14-11, prima che Snippe dai nove metri bombardi il campo ospite con un ace. Il muro di Marchiani su Zappoli porta Grotta sul 17-13, Romagnoli fa altrettanto coprendo di fatto l’intero campo murando nella stessa azione prima Zappoli poi Calarco. Ace di Zappoli per il 18-16, poi subito un muro su Snippe la cui decisione è ribaltata dal videocheck, dopo l’iniziale giudizio out da parte della coppia arbitrale; Di Bonaventura dai nove metri mette in grossa difficoltà il libero romano e per Arienti è facile chiudere il 20-17. Cambio per Budani, Consalvo sostituisce Borraccino e pesca un ace importante per accorciare le distanze; Giannotti però non ci sta e prima sigla il 22-19, poi difende una palla impossibile (soprattutto per chi di mestiere fa l’opposto…) con Snippe che lo premia a muro, infine sigla un ace da urlo al rientro dal tempo tecnico di sospensione. Quando si dice voler essere decisivi. Il punto finale è una formalità, anche se Arienti si prende la briga di murare per ben tre volte consecutive gli avversari saltando da una parte all’altra della rete; il fischio dell’arbitro sanziona un fallo da seconda linea dell’ex di turno, Simone Calarco, e di fatto ciò chiude la contesa portando altri tre punti al già ricco bottino grottese.

Complimenti doverosi alla squadra romana, sicuramente una delle più forti e difficili da affrontare sin qui viste al palas grottese nella stagione in corso; la posizione di classifica, del resto, certifica la qualità dell’organico di coach Budani, che giocando sempre come oggi certamente potrà ambire alle posizioni più nobili. Quando la Videx gioca al proprio ritmo, però, tenerle testa è difficile per tutti e ciò che più esalta il pubblico, di questo coeso gruppo di bravi ragazzi, è la costante capacità di sacrificarsi l’uno per gli altri per venire fuori dagli inevitabili momenti di difficoltà che pure fanno parte del gioco.

Il tabellino: M&G Videx Grottazzolina – Roma Volley Club 3-1

M&G Videx: Romagnoli 5, Snippe 20, Vecchi 17, Giannotti 21, Arienti 7, Marchiani 4, Romiti (L1) 53%, Di Bonaventura. N.e.: Minnoni, Capriotti (L2), Viciedo, Starace, Gaspari, Pulcini. All. Ortenzi All2. Piozzi

Roma Volley Club: Calarco 19, Zappoli 10, Sperotto 2, Antonucci 8, Rossi 9, Rizzi (L1) 57%, Borraccino 7, Consalvo 1, Loreto, Stirpe. N.e.: Cicchinelli, De Vito. All. Budani All2. Saltimbanco

Arbitri: Noce – Colucci.
Parziali: 21-25 (23′), 25-18 (23′), 25-18 (23′), 25-20 (25′).

Note: Videx: errori in battuta 14, ace 6, muri vincenti 10, ricezione 64% (30% perf.), attacco 60%. Roma: errori in battuta 13, ace 6, muri vincenti 7, ricezione 55% (19% perf.), attacco 46%.

V.F.

 

Print Friendly, PDF & Email