Picchio ascoli promosso in serie C la prima squadra in corsa per la salvezza in serie A

07b1ee6dfb656c9bdf0d5d8e57279141

Sono sicuramente i giorni più lunghi della storia del Subbuteo Club Ascoli. Lo scorso fine settimana il Picchio, formazione filiale della Asd, ha disputato il girone centro del campionato nazionale di Serie D a Montefalco, nel prossimo la prima squadra si giocherà la salvezza in Serie A.

 

I bianconeri del Picchio hanno letteralmente dominato il loro raggruppamento e con nove vittorie su nove incontri, hanno conquistato la promozione diretta in serie C, lasciando a Rosa Nera Roma e Pisa Subbuteo, la complicata coda dei play off.

 11b62b965a4ad8c409c7bf7b01c34823 990566236a26f1af65db1af73c5915a4 IMG_7477

Una soddisfazione immensa per il Subbuteo Club Ascoli. Nella rosa del Picchio, infatti, ad eccezione dell’esperto urbinate Carlo Melia, figurano solo giocatori ascolani, tutti provenienti dal vivaio del club. Per loro era il terzo campionato di Serie D. Nelle due precedenti occasioni la squadra era stata iscritta solo per fare esperienza. La scorsa estate la società ha deciso di puntare a vincere il torneo. I ragazzi del settore giovanile sono stati affiancati da due elementi più esperti provenienti dalla prima squadra, Carlo Melia e Luca Ciabattoni. Ne è nato un mix esplosivo capace letteralmente di dominare il campionato.

Nove partite giocate e altrettante vittorie, 28 singoli incontri vinti su 36 (5 pareggi e 3 sole sconfitte). Complessivamente 89 i gol realizzati e 27 quelli subuti.

Alessandro Migliori top player della serie D con nove vittorie su altrettante partite, 24 gol fatti e 4 subiti. Carlo Melia ne ha vinte 8 su 9, pareggiando l’ultima ormai inutile, anche per lui 24 gol fatti e 4 subiti. Fondamentale, ovviamente, l’apporto anche di Luca Ciabattoni (sette vittorie, un pari e una sconfitta), Pietro Troiani (4 vittorie, 4 pareggi e una sconfitta) e Alan Bianchi (due vittorie e una sconfitta). Decisivo il capitano Pierluigi Castelli che ha gestito la squadra e guidato il gruppo nei nove incontri.

I risultati: Picchio-Maremma 3-1, Picchio-Pisa 2-0, Picchio-Lazio 4-0, Picchio-L’Aquila 3-0, Picchio-Foligno 4-0, Picchio-Rosa Nera Roma 3-0, Picchio-Livorno 3-1, Picchio-Samb 3-1, Picchio-Castiglione 3-0.

La classifica: Picchio 27 punti, Rosa Nera 19, Pisa 18, Livorno 17, Castiglione del Lago 13, L’Aquila 11, Foligno 9, Samb e Maremma 7, Eagles Lazio 0.

La rosa: Alan Bianchi, Pierluigi Castelli (capitano), Luca Ciabattoni, Matteo Manni, Carlo Melia, Alessandro Migliori, Pietro Troiani.

 

Nel prossimo fine settimana è in programma l’evento più atteso dell’anno. A scendere in campo, infatti, sarà la prima squadra, impegnata a San Benedetto nel girone di ritorno della Serie A. I bianconeri hanno chiuso l’andata al nono posto nel torneo a dodici squadre. Le ultime due retrocedono direttamente, nona e decima disputano lo spareggio. Sarà una battaglia fino all’ultimo secondo all’inseguimento della salvezza e del diritto a disputare il prossimo anno quello che sarebbe il quarto campionato di serie A della storia del Subbuteo Club Ascoli.

Come al solito serviranno grandissima concentrazione, nervi saldi, cattiveria agonistica e anche quel pizzico di fortuna mancato nella prima parte del torneo, quando i bianconeri avrebbero potuto conquistare sicuramente almeno tre punti in più.

 

I convocati: Andrea Catalani, Stefano Flamini, Massimiliano Schiavone, Giancarlo Silvestri, Fayçal Rouis, Augusto Vagnoni. Capitano Giuseppe Silvestri.

 

I risultati dell’andata: Ascoli-Bologna Tigers 1-2, Ascoli-Stella Artois Milano 1-2, Ascoli-Fiamme Azzurre 1-3, Ascoli-Warriors Torino 2-1, Ascoli-Perugia 2-2, Ascoli-F.lli Bari Reggio Emilia 1-3, Ascoli-Virtus 4 Strade Rieti 4-0, Ascoli-Eagles Napoli 1-3, Ascoli-Black&Blue Pisa 0-3, Ascoli-Salernitana 0-1, Ascoli-Master Sanremo 3-0.

 

La classifica dell’andata: Fiamme Azzurre 33 punti, F.lli Bari Reggio Emilia 28, Black&Blue Pisa 25, Eagles Napoli 22, Perugia 19, Bologna Tigers 14, Salernitana 11, Ascoli 10, Warriors Torino 6, Master Sanremo 5, Virtus 4 Strade Rieti 1.